giovedì 12 gennaio 2017

DAL MIO DIARIO. SEZIONE GIUGNO 1981.IL SUPERAMENTO DELLA PERSONALITA'

QUI RACCONTERO' QUALCOSA DI PIU' PROFONDO SU DI ME



Quando avvenne...fu un traboccare oltre l'umana conoscenza.
Il grano di sale si sciolse nell'oceano e la paura della morte scomparve.
Ero io ma non ero io e quindi mi chiedevo cosa fossi io.
Non ero un io ma sentivo di essere un centro.
L'esperienza l'aveva procurata una certa lavorazione alchemica e magica.
Dopo almeno 7 mesi di pratica intensa mi ritrovai in un mondo che non era quello che conoscevo. Il tappo era tolto, il sigillo della personalità era saltato.
E proprio di sigillo si poteva parlare.

COSA E' UN SIGILLO DELLA PERSONALITà? è UN NOME UN SEGNO UNA FIRMA MESSA E POSTA DA QUALCUNO SU DI NOI PER BLOCCARE IL NOSTRO VOLO. 
POICHE', L 'ANIMA HA UN PESO SPECIFICO E VOLEREBBE VIA OLTRE LA MENTE O MATRICE.

Io praticai per 7 mesi incessantemente e nella mia pratica ogni cosa era tenuta dietro tranne la pratica stessa e l'obbiettivo che avevo dentro di me.
Giorno dopo giorno salivo la scala della modificazione del mio pensiero standard sostituendolo con pensieri differenti che non avrebbero ostacolato la mia idea ed il mio obbiettivo.
Creavo elisir e invocavo il mio nume.
Chiamavo in aiuto le potenze naturali affinchè mi svelassero il mistero celato in esse.
Il mattino la mia routine consisteva in pratiche di assunzione, pratiche di invocazione, pratiche di evocazione, pratiche di meditazione e interiorizzazione.
Nel pomeriggio riposavo solo un ora e poi nuovamente ero impegnato ad ascendere verso il grande obbiettivo.
La sera pratiche di interiorizzazione e richiamo del NUME  e assunzioni.

Come esempio mostro un pezzo scritto in quei tempi:

12 GIUGNO 1981
L'assunzione  è stata come un colpo alla mente. Ossia al sigillo della mia mente.
E' stato come se una crosta sia volata via. Di colpo ho sentito la REALTA'.
Essa è cosi' vicina, ma cosi' vicina che non ce ne andiamo mai conto sommersa dal buio della mente.
Il SILENZIO si è appropriato di me.
Ho invocato LUI CHE E' IL PIU' LUMINOSO DI LUCE PROPRIA E LO SENTITO VICINO.
Il mio NUME meraviglioso lo sento è sempre intorno a me dentro di me mi pervade.
Zanoni lo chiamava ADONAI, ma io non voglio dare immagini e nomi di altre tradizioni. IO sono AMMONIO E LA LUCE AMMONIA E' LUCE PURISSIMA!
Non ha nome perchè un nome lo controlla.
Non ha connotazione perche' una connotazione lo circoscrive.
Non ha forma, perchè una forma è distruttibile.
Non ha vita, perchè se la possedesse dovrebbe morire.
Non ha morte, perchè se la possedesse dovrebbe nascere.
Non ha tempo perchè se fosse nel tempo sarebbe finito.
EGLI E'.
ED EGLI SONO IO!!!!

La chiamata agli Dei e Numi superiori ha avuto effetto mi sono sentito come vuoto e poi in me è venuto il fuoco eterno che mi ha indicato le cose come sono.
La mente si è innalzata, mai abituata al volo superiore e le ali di Mercurio si sono aperte sul mio cranio portandomi a cospetto degli INNUMEREVOLI NUMI ETERNI.
Al loro cospetto non c'è parola, perché se vi fosse sarebbe un mondo creato.
E non c'è silenzio o assenza di parola, perchè se vi fosse sarebbe il nulla.

Il mondo visitato è oltre i mondi ed è la VERA PATRIA DI DOVE VENGO IO.

Una patria di solo amore.
Non esiste altro da dove provengo.
AMORE PURISSIMO PER OGNI COSA ED ESPERIENZA DI AMORE PER OGNI CREATURA CHE DECIDE DI VIVERCI.
Ho imparato, da questo mio mondo, che l'amore pe me è TUTTO, e che è in ogni cosa.
Ma non parlo del solo amore che tutti pensano o uno spiritualista dovrebbe percepire, ma bensì di ogni forma di amore PURISSIMO PER TUTTO.
l'assunzione di...........ha fatto molto in aggiunta alla invocazione che ha acceso il mio spirito per farlo volare oltre il conosciuto con la sacra arte della TEURGIA.

La mia mente si è fermata...ho visto la REALTA' CHE TUTTI VEDONO CROLLARE.
Tutto è crollato non appena la forza si è fermata.
E LA VISIONE CHE E' APPARSA E' SOLO AMORE AMORE AMORE AMORE AMORE AMORE CHE CREA E MAI DISTRUGGE.
LA DISTORSIONE DELL'ODIO E' SOLO NEL BASSO.
HO VISTO CHE LA CREAZIONE NON E' SOLO ORIZZONTALE MA CHE E' VERAMENTE VERTICALE.
L'AMORE E' IN ALTO NELLA SUA LEGGEREZZA E NEI MONDI DA DOVE PROVENGO.
L'ODIO E' IN BASSO E NELLA CALIGINE DELLA BRUTTURA DELLA IGNORANZA E DI COLORO CHE RESERO SCHIAVI GLI UMANI.

HO VISTO CHE TENTENNAI....A LASCIARE CIO' CHE ERA MIO PER DIRITTO.
MA ALLA FINE SENTIVO PIANGERE E BUSSARE DISPERATAMENTE E IL MIO CUORE FU VINTO QUALE ESSERE D'AMORE E ABITANTE IN REAMI D'AMORE.

VIDI UNA DISCESA COME IL FULMINE IN UN CORPO GIA' MATURO E MI RITROVAI A GUARDARE QUESTA TERRA.
QULLO CHE DIVENNE LA MIA DIMORA.
IL CORPO DI MARIO.

Mi sono svegliato. 
Eccomi sono nuovamente qui.
Sono esausto e piango.
Vorrei andare via ma so che non DEVO.
Ancora devo cominciare.....NUME MIO DI AMORE...ME STESSO, CHE TI TIENI IN DISPARTE VEDENDO LA MIA RECITA...DAMMI LA FORZA TU!!!

So che la mia vita sarà strana. Lo vista.
PRIMA IL KARMA DI QUESTO RAGAZZINO. POI IL MIO.
DA ORA A 50 ANNI LA SUA VITA.
DAI 50 ANNI IN POI LA MIA.
SAPRO' ATTENDERE PER IL BENE DELL' UMANITA' E ATTENDERO' DI TORNARE DA DOVE VENGO SE MI SARA' PERMESSO.
ALCUNI SORRIDERANNO E ALTRI SI ILLUMINERANNO A QUESTE PAROLE.
LA MIA VITA SARA' MOLTO DIFFICILE AGLI INIZI PER CONOSCERE LO " SCOPO DI AMORE" E PER NON FARMI SEDERE SU QUESTO PIANO, MA AVERE SEMPRE IL PUNGOLO DI NON FERMARMI E FARE FARE FARE FARE PER ME E GLI ALTRI!

Scritto in pieno possesso delle mie INTERE facoltà' mentali 
Li 12 Giugno 1981


Riccardo Mario Villanova Sammarco
MRA